Focus

Ripartire dalle città per superare la krìsis

Costantinopoli era definita la città per eccellenza perché era il luogo in cui si componevano le differenze e vi era la volontà di porsi continuamente una questione: “Si sta facendo bene?”. Oggi le città possono avere un ruolo determinante per governare il processo di crisi che affligge il Paese e, per farlo, chi amministra deve saper porsi le giuste domande e trovare risposte in quei giacimenti di pensiero che respirano e vivono la città… che sono le università, le scuole, gli ordini professionali, le associazioni di categoria, le associazioni di idee, le fondazioni, i partiti, i sindacati.

Le città hanno un ruolo fondamentale perché sono il luogo della cantierizzazione dell’economia, ma non solo; perché vi è la maggior consistenza demografica delle persone, la maggior consistenza economica delle ricchezze, la maggior consistenza di contraddizioni che generano conflitto. E su queste tre caratterizzazioni occorre ben riflettere e porsi la questione “si sta facendo bene?”, per approdare ad una nuova vita delle città. La dimensione che occorre alla città del terzo millennio non necessità della gonfiezza ma di prossimità dalla provincia, di prossimità al Paese e all’oltre confine nazionale. Perché la gonfiezza cittadina se da una parte crea lo spopolamento dei Comuni di provincia arrecando in taluni casi desertificazioni di luoghi geograficamente e strategicamente sfruttabili, dall’altra parte crea al proprio interno delle periferie di periferie in cui il disagio è la determinazione principale del determinante malessere che sempre più genera manifestazioni di drammi e degenera in disumanità.

Le dotazioni economiche che lo Stato concede alle città non possono non andare, in buona parte, nella direzione di rigenerazione delle periferie che sono divenute uno spazio di insostenibile sofferenza… non possono non andare, in buona parte, anche nelle infrastrutture di collegamento verso la provincia che è la cura dimagrante della città che non deve essere obesa per avere peso, dal momento che il peso lo determina la qualità dei servizi, la quantità dell’attenzione ecologica, la velocità di collegamento. Ma la progettualità realizzativa si colloca in un uno spazio che ha bisogno di tempo e troppo spesso lo Stato pone una clessidra che affanna e affossa. Lo Stato centrale per mettere le città nella condizione di essere proattive al superamento della krìsis che le affligge, deve concedere una qualità delle procedure che sia pari alla quantità delle risorse che eroga ad esse, perché occorre una velocità normativa ed una semplificazione delle procedure che consentano la realizzazione alla progettualità del pensiero che altrimenti resta affanno in una palude.

Antonio Coppola

Formazione umanistica, appassionato di geografia economica, lavora come consulente aziendale per il marketing e l'internazionalizzazione. Da ragazzo è stato consigliere comunale nella natia Torre de'Passeri.

Destina il 5×1000 alla Fondazione Farefuturo

Oggi più che mai il ritorno della Politica – dello sviluppo e della promozione di una buona politica – è una vera e propria “emergenza” nazionale, un antidoto necessario per restituire un binario, una direzione alla nostra Italia. La Fondazione Farefuturo, fin dalla sua nascita, si spende senza sosta per questo: studiare, analizzare ma soprattutto proporre modelli e soluzioni per sostenere i valori del buongoverno e con questi l’Italia che produce, che investe sul domani.

Continua a leggere…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi